scorretta-posturaLa postura è un elemento fin troppo sottovalutato ma che nel medio-lungo periodo causa notevoli problemi funzionali e anche inestetismi estetici come il rilassamento muscolare e cutaneo, le rughe e la cellulite.

Continua a leggere »

viso-donnaÈ un timore atavico quello degli aghi, definito anche come “una paura persistente, anormale e ingiustificata di aghi e spilli” e conosciuta come aichmofobia o belonefobia. Si tratta di un disturbo piuttosto frequente del quale è affetto, per gradi diversi, circa il 10%  della popolazione. Le persone che ne soffrono hanno paura degli oggetti taglienti o acuminati come aghi, siringhe, ma anche coltelli o seghetti. A questa fobia è associata infatti anche la paura delle ferite (traumatofobia) e la paura del sangue (emofobia).

Continua a leggere »

weight loss progress.Con l’espressione “dieta del sondino” ci si riferisce a una metodica nutrizionale ideata appositamente per i soggetti in sovrappeso e per quelli affetti da obesità. L’espressione si riferisce al sondino nasale che viene applicato al soggetto che decide di ricorrere a questo sistema.

Continua a leggere »

young woman's faceUna delle maggiori paure per chi intende sottoporsi a un intervento di rinoplastica è rappresentata dai tamponi che vengono inseriti nel naso dopo l’operazione. È infatti risaputo che i tamponi post-operatori provocano difficoltà respiratorie, con la fastidiosa e costante sensazione di naso chiuso, e che siano oltretutto piuttosto dolorosi da togliere.

La bella notizia è che oggi dei tamponi nasali si può fare benissimo a meno. Questi infatti, nella loro funzione di sostenere la struttura del naso subito dopo l’operazione, sono stati sostituiti da soluzioni meno fastidiose, poco invasive e non dolorose che permettono, fin da subito, di tornare a respirare con il naso.

Continua a leggere »

Breast cancerMastoplastica sì o no? Quali sono le alternative? Le protesi saranno definitive o dovranno essere sostituite? Sono molte le domande che una donna si fa prima di decidere di ricorrere a un intervento di mastoplastica additiva. E, una volta presa la decisione, le domande continuano a moltiplicarsi: protesi saline o al silicone? Di che forma? Per quanto tempo andranno tenute sotto controllo? La questione protesi mammarie può diventare davvero pressante e mandare in confusione. Ecco perché la Food and Drug Administration (FDA) ha pubblicato sul suo sito dei consigli, cinque punti che potrebbero aiutare le donne in questo senso fornendo informazioni e suggerendo domande da porsi prima di prendere una decisione.

Continua a leggere »